Crêuza de mä pe Zêna

Crêuza de mä pe Zêna

Oggi, 3 agosto 2020, a quasi due anni dalla tragedia del Ponte Morandi, in cui hanno perso la vita 43 persone, è stato inaugurato il nuovo Ponte Genova – San Giorgio progettato da Renzo Piano.

Come colonna sonora di questo momento storico è stata scelta ‘Crêuza de mä pe Zêna’, una stupenda versione inedita, ideata da Dori Ghezzi, della celebre canzone di Fabrizio de Andrè: Crêuza de mä.

Molti sono gli artisti che hanno scelto di rendere omaggio a Genova con questa splendida canzone:

Mina, Zucchero, Diodato, Gianna Nannini, Mauro Pagani, Giua, Vinicio Capossela, Vasco Rossi, Paolo Fresu, Vittorio De Scalzi, Jack Savoretti, Antonella Ruggiero, Francesco Guccini, Ivano Fossati, Ornella Vanoni, Giuliano Sangiorgi, Cristiano De André, Sananda Maitreya.

Crêuza de mä è sempre stata una tra le mie canzoni preferite di Faber, non solo per la bellissima musica e perché è cantata in dialetto genovese, ma perché racconta di un gruppo di eterni viaggiatori, i marinai.

Tornati da una giornata in mare vanno a mangiare alla taverna di Andrea e immaginano chi potrebbero incontrare e cosa potrebbero dargli da mangiare.

Vi lascio qui di seguito il video originale ? il testo e la traduzione (presi dal sito Via del Campo).

Spero che anche a voi rimanga nel cuore, proprio come è rimasta nel mio.

CREUZA DE MÄ PE ZENA                                                                                                                                                                                                                      Mulattiera di mare/
stradina che delimita due proprietà – per Genova

Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l’è ch’ané
        Ombre di facce facce di marinai
da dove venite dov’è che andate

da ‘n scitu duve a l’ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n’à puntou u cutellu ä gua
        da un posto dove la luna si mostra nuda
e la notte ci ha puntato il coltello alla gola

e a muntä l’àse gh’é restou Diu
u Diàu l’é in çë e u s’è gh’è faetu u nìu
        e a montare l’asino c’è rimasto Dio
il Diavolo è in cielo e ci si è fatto il nido

ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi ‘nta cä de pria
        usciamo dal mare per asciugare le ossa dall’Andrea
alla fontana dei colombi nella casa di pietra

E ‘nt’a cä de pria chi ghe saià
int’à cä du Dria che u nu l’è mainà
        E nella casa di pietra chi ci sarà
nella casa dell’Andrea che non è marinaio

gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l’ä
        gente di Lugano facce da tagliaborse
quelli che della spigola preferiscono l’ala

figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun
        ragazze di famiglia, odore di buono
che puoi guardarle senza preservativo

E a ‘ste panse veue cose ghe daià
cose da beive, cose da mangiä
        E a queste pance vuote cosa gli darà
cose da bere, cose da mangiare

frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae ‘nt’u meximu vin
        frittura di pesciolini, bianco di Portofino
cervelli di agnello nello stesso vino

lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi
        lasagne da tagliare ai quattro sughi
pasticcio in agrodolce di lepre di tegole (gatto)

E ‘nt’a barca du vin ghe naveghiemu ‘nsc’i scheuggi
emigranti du rìe cu’i cioi ‘nt’i euggi
        E nella barca del vino ci navigheremo sugli scogli
emigranti della risata con i chiodi negli occhi

finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
      finché il mattino crescerà da poterlo raccogliere
fratello dei garofani e delle ragazze

bacan d’a corda marsa d’aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta ‘nte ‘na creuza de mä
      padrone della corda marcia d’acqua e di sale
che ci lega e ci porta in una mulattiera di mare

Se ti piace, condividi!


7 thoughts on “Crêuza de mä pe Zêna”

  • Crêuza de mä racchiude tutti gli odori e le sensazioni di Genova, mescolati in una malinconia di fondo che ci portiamo nel sangue, quando l’ascolto mi arriva il salmastro degli scogli, grazie per la traduzione e il post

  • ho passato le mie vacanze in Liguria e sono stata anche a un concerto di De Andrè l’anno che è uscita proprio Creuza de ma. Lui parlava in genovese e io capivo meno della metà ma la melodia mediterranea della canzone mi sono rimaste nel cuore e ogni volta che la sento mi vengono i brividi da tanto è bella

  • Non la conoscevo, è davvero bellissima e commovente. Credo sia stato un pensiero davvero carino quello di rendere omaggio a Genova con questa canzone. Purtroppo è una ferita che difficilmente potrà rimarginarsi in poco tempo, l’unica cosa che si può fare è “alleviare”il ricordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *